fbpx

Giamaica

Torna a News

Giamaica

La Giamaica ti farà scoprire il volto reggae dei Caraibi, un gioiello di spiagge bianche e foreste tropicali. Per farvi intendere bene di ciò che parliamo, il primo nome dell’isola si deve ai Taino, popolazione giunta dal Sud America che la battezzarono “Xaymaca” ovvero “terra ricca di legno ed acqua”.

Tutt’oggi la Giamaica conserva la traboccante natura caraibica che impressionò i suoi primi colonizzatori.  Terra di coloni e pirati, le influenze inglesi si sono imposte su quelle spagnola. La maggior parte della popolazione discende dagli ex schiavi.

Dalla componente etnica originaria dell’Africa discendono le peculiarità culturali che fanno riconoscere la Giamaica nel mondo. In primis la musica reggae, sviluppatasi negli anni 60 e con Bob Marley concentrata sulle tematiche religiose del rastafarianesimo.

Non vanno dimenticate le tradizioni gastronomiche, le più ricche e saporite dei Caraibi.

Un viaggio in Giamaica è un tuffo nel mare dei Caraibi, nella natura e in una cultura iconica e unica.

COSA VISITARE

Il Blue and John Crow Mountains National Park, Patrimonio UNESCO posto a tutela della lussureggiante catena montuosa che raggiunge i 2256 metri e fu rifugio di indigeni Tainos e poi di “maroons”, schiavi neri scappati dalle piantagioni, i quali crearono una vera e propria civiltà “alla macchia”. Famoso il caffè prodotto lungo le pendici dei rilievi.

La Seven Miles Beach spiaggia bianchissima di 10 km, orlata da un folto palmeto che fa ombra a bar e local, ideale per vivere la Giamaica balneare dal mattino al tramonto.

A Montego Bay, vivace cittadina piena di musica e sede, a luglio, del  Reggae Sumfest, la spiaggia di Doctor’s Cave Beach, una delle più famose della Giamaica.

Il Bob Marley Museum di Kingston, la leggendaria icona del reggae, padre spirituale della Giamaica.

Nine Mile, il villaggio dove nel 1945 nacque Bob Marley, dove si possono visitare la sua casa natale e mausoleo.

La Blue Lagoon, specchio d’acqua dolce color smeraldo, nel cuore della vegetazione tropicale, profondo fino a 60 metri.

Ocho RIos, villaggio di pescatori il cui entroterra è ricchissimo di ruscelli e cascatelle che formano piscine e scivoli d’acqua dolce. Nel 1657 gli Inglesi vi sconfissero sonoramente gli Spagnoli, durante la battaglia passata alla storia col nome di Las Chorreras, e presso il poco distante Rio Chico furono girate nel 1962 le scene di Dr. No,  primo episodio della saga di 007, con Sean Connery e Ursula Andress.

Columbus Park, museo en plen air con reperti dell’epoca di Cristoforo Colombo.

Un’escursione lungo le acque del Black River, popolato di coccodrilli e uccelli esotici.

Condividi questo post

Torna a News